Seminari di Psicologia per studenti del Liceo Classico Linguistico Simone Weil

Quando all’impegno sui temi culturali si associa una funzione di ausilio ai giovani per aiutarli a comprendere meglio le problematiche che affrontano nel loro personale percorso di crescita, si ottiene un risultato importante sia per i partecipanti ai seminari che per chi li organizza.
Queste sono le fondamenta su cui si basa il ciclo di tre Seminari di Psicologia per studenti del Liceo Classico Linguistico Simone Weil che si concluderà con il terzo ed ultimo incontro del 19 marzo prossimo.

Il motore primo dell’efficacia dei seminari risiede nell’ormai pluriennale cooperazione che si è instaurata con il dottor Claudio Boienti, psicologo clinico dello studio Akoè di Lodi, che con passione e competenza cattura l’attenzione dei giovani partecipanti per ben due ore consecutive, instaurando un’interazione proficua fatta di domande e partecipazione.

Il dottor Boienti nel corso del primo seminario

Il seminario, organizzato dall’Associazione culturale Clementina Borghi con l’irrinunciabile e fattiva collaborazione della professoressa Dolores Ceredi, si svolge presso l’Auditorium dell’Istituto Comprensivo Tommaso Grossi di Treviglio, cortesemente e prontamente messo a disposizione dalla Dirigente Scolastica professoressa Nicoletta Sudati, sempre pronta a collaborare con chi ha a cuore la formazione dei giovani.

Nel corso dei tre incontri il dottor Boienti illustra i temi fondamentali del mondo della psicologia, partendo dalla esposizione dei suoi ambiti operativi e dei suoi diversi approcci formativi e indagando gli inquadramenti teorico-clinici dei principali disturbi psicopatologici.

L’attenzione ininterrotta dei quasi settanta ragazzi presenti e le loro domande puntuali e precise sono l’indicatore dell’ottima riuscita di questa iniziativa che nel corso degli anni è diventata un punto fermo nelle attività formative rivolte ai giovani studenti del Liceo Simone Weil.

IL CORAGGIO DELLE DONNE MOSTRA FOTOGRAFICA

Il prossimo 4 marzo alle ore 18,15 nella Sala HUB TNT in piazza Garibaldi, avrà luogo l’inaugurazione della mostra fotografica “Il coraggio delle donne” organizzata dalla nostra Associazione in collaborazione con il Circolo Fotografico Il Caravaggio.

La mostra, che resterà aperta in orario pomeridiano fino al 10 marzo, vuole essere un omaggio a tutte quelle donne, trevigliesi e non, che hanno affrontato avversità e malattie e ne sono uscite o stanno combattendo con forza e determinazione.

Realizzata con il patrocinio del Consiglio delle Donne di Treviglio, la mostra presenta circa 20 immagini realizzate da 15 fotografi del Circolo Il Caravaggio: foto in bianco e nero e foto a colori di signore riprese nel corso della loro attività lavorativa, a dimostrazione che di dolore si può vivere e non bisogna mai lasciarsi abbattere. A corollario del messaggio trasmesso con la forza delle immagini vengono esposte circa una decina di poesie scritte da note poetesse del XX secolo,

La mostra è stata realizzata anche con il contributo di diverse associazioni (Aisla, Soroptimist club di Treviglio e pianura bergamasca, Casa delle Donne, Commissione Pari Opportunità di Caravaggio, Amici di Gabri), e vuole lanciare per questo 8 marzo 2019 un messaggio ottimistico di forza e di speranza per tutte quelle donne che si trovano di fronte a diverse difficoltà e pensano di non potercela fare.

Quindici i fotografi cha hanno partecipato a questa bella iniziativa: Enrico Appiani, Duilio Bellomo, Lino Beltrame, Vittorio Brambilla, Marco Celestina, Antonio Cozzi, Roberta Tassi, Alessandro Frecchiami, Marco Goisis, Victoria Herranz, Giuseppe Maridati, Andreina Pasini, Giovanni Roglio e Gianni Testa.

Venti sono invece le donne che volentieri si sono sottoposte all’obiettivo, contribuendo a rendere unica questa mostra che sarà itinerante e andrà a far conoscere questo messaggio all’intera collettività bergamasca. Le citiamo con il loro nome di battesimo: Lia, Gabriella, Imma, Gonaria, Marisa, Anna, Ornella, Alice, Donatella, Maria Teresa, Sonila, Cristina, Jennifer, Lola e molte altre. Tutte hanno voluto lasciare nella testimonianza del loro percorso anche un messaggio positivo per quanti visiteranno la mostra.

L’appuntamento è quindi per il 4 marzo alle ore 18,15 e vedrà la presenza degli amministratori comunali, delle diverse associazioni che hanno reso possibile l’iniziativa, dei fotografi e delle diverse modelle.

Il giorno 8 marzo per festeggiare le donne il Consiglio delle donne sarà presente alla mostra per leggere le poesie e distribuire dolci e mimose alle donne che vorranno intervenire a questa manifestazione.

Clementina Borghi presenta il concerto del coro Calycanthus

L’associazione culturale Clementina Borghi è lieta di annunciare il concerto per gli auguri di Natale che sarà tenuto a Castel Rozzone dal coro Calycanthus.

L’evento si terrà venerdì 21 dicembre alle ore 21,00 presso la chiesa parrocchiale di S. Bernardo sita in piazza Castello 6 a Castel Rozzone.

Sarà un’occasione per  scambiarsi gli auguri per il sopravveniente Natale apprezzando l’esecuzione di un valido programma di brani eseguita con la ben nota e consueta maestria dal coro Calycanthus.

Un occasione da non perdere!

Miriam D’Ambrosio presenta il suo nuovo libro

La nostra “cara amica” e scrittrice Miriam D’Ambrosio ha concluso la sua più recente fatica letteraria e ne presenterà il frutto pregiato sabato 13 ottobre alle 16,30 presso l’auditorium della biblioteca comunale.

Nell’ambito della rassegna culturale “In … chiostro” il pubblico potrà quindi ascoltare ed interagire con l’autrice per conoscere il nuovo “L’uomo di plastica” ed. Epika.

L’incontro sarà moderato da Daniela Tovo.

L’associazione culturale Clementina Borghi è lieta di aver collaborato con altre forze ed enti culturali della città alla realizzazione di questo evento.

Un grazie particolare al Maestro Mombrini

L’organizzazione di un concorso letterario nazionale richiede lavoro e abnegazione da parte di chi lo ha creato e lo mantiene vivo da venti anni.

Ma la piena riuscita di tutte le attività sarebbe molto difficoltosa senza la collaborazione di tutti coloro i quali aiutano l’Associazione culturale Clementina Borghi a svolgere al meglio il proprio lavoro consentendo di dare una veste dignitosa alle nostre manifestazioni.

Pertanto, conclusa la cerimonia di premiazione “ci corre l’obbligo” di ringraziare pubblicamente chi ci ha dato, con generosità, una mano per lavorare al meglio.

Il primo grazie va al maestro Battista Mombrini, artista sempre vicino alla nostra associazione, che in occasione dell’edizione del ventennale del concorso ha generosamente donato due meravigliose opere offerte ai vincitori delle sezioni poesia e narrativa: un dono che ha valorizzato magnificamente i lavori premiati nel ventennale.

 

Grazie maestro e ad maiora

Il club Soroptimist e il rapporto genitori/figli nell’era di internet

L’ Associazione culturale Clementina Borghi nell’ambito della pluriennale collaborazione con il club Soroptimist di TreviglioPianura bergamasca ha il piacere di segnalare il convegno:

Educazione e controllo: genitori e figli all’epoca di internet

Il club Soroptimist, sempre attento alle problematiche sociali, ha chiesto a relatori di alta professionalità un contributo per poter riflettere sull’impatto dell’invasione delle tecnologie  digitali nei comportamenti, nel sentire e nella gestione dei rapporti umani ai nostri giorni.

In particolare i relatori ci parleranno dell’impatto sulla relazione educativa in ambito familiare.

Come ci ricorda la sinossi di presentazione del convegno, si dibatterà su temi quali:

  • Assistiamo a un’ipertrofia del controllo senza relazioni autentiche? 
  • Ci raccontiamo sui social e rimaniamo in silenzio a tavola insieme? 
  • Quando il controllo configura un reato? 
 L’incontro aperto al pubblico si terrà
sabato 14 aprile 2018 – ore 10.00-12.30
Polo Formativo Scolastico – Collegio degli Angeli
via C. Battisti 15 – Treviglio
Presentano l’incontro:

Anna di LandroPresidente club di Treviglio P.B. Soroptimist International e Angela Lattuada Preside del Polo Formativo Scolastico Collegio degli Angeli.

Il giornalista Fabio Conti sarà il moderatore degli interventi dei relatori:

Sabina Albonetti, psicologa psicoterapeuta, Laura Rossoni, avvocato e Angelo Lino Murtas vicequestore – Commissario Polizia di Stato – Treviglio

ANCORA UNA VOLTA: UN’OCCASIONE DA NON PERDERE IN CITTA’

 

 

L’associazione Clementina Borghi raccomanda l’evento di Miriam D’Ambrosio nell’ambito di IN … CHIOSTRO A KM 0

L’associazione culturale Clementina Borghi annuncia con piacere l’evento

IN … CHIOSTRO A KM 0!

nel quale Miriam D’Ambrosio presenterà ancora una volta il suo libro “Giuda mio padre“.

Miriam è ormai un amica della nostra associazione e siamo sempre contenti quando alla scrittrice viene offerta l’occasione di parlare con la sua apprezzata leggerezza di argomenti “pesanti” come di personaggi “universali” noti a tutti dalle letture dei Vangeli trattati, però, con la soavità di una fiaba.

Si parlerà della difficoltà del perdono verso gli altri e verso se stessi, del fardello delle colpe dei padri che non devono ricadere sui figli e di come i figli debbano affrontare percorsi interiori lunghi e dolorosi per riuscire ad elaborare queste amare situazioni.

Per approfondire questi importanti argomenti basta intervenire prima all’incontro con la scrittrice che si terrà:

sabato 24 febbraio alle ore 16,30

presso l’Auditorium della Biblioteca Civica di Treviglio

e poi acquistare il libro “Giuda mio padre“.

Ne vale la pena!

 

Un classico del teatro: La signora e il funzionario

Nel Lessico Universale Italiano la definizione di “classico” dice: “il termine esprime anche un giudizio di valore; significa cioè: perfetto, eccellente, tale che può servire come modello di un genere (…)” ed è questo il primo termine che è venuto in mente quando abbiamo visto la nuova programmazione di “La signora e il funzionario “  piece di Aldo Nicolaj che ancora una volta sarà interpretata da Luisella Basso Ricci, socia poliedrica della nostra associazione, e da Bruno Manenti .

Un bel regalo pre-natalizio la messa in scena di questa commedia brillante che tratta con leggerezza ed incisività di un funzionario pubblico che trova nel suo ufficio una signora che occupa la sua sedia.

La donna non ha alcuna intenzione di andarsene ed ecco che nascono subito domande come “chi è veramente questa signora?” e “perché è lì?”.

Otterremo le risposte solo andando a teatro

L’associazione culturale Clementina Borghi è quindi lieta di segnalare lo spettacolo che si terrà

Martedì 19 dicembre alle 20,45

 TNT – Teatro Nuovo Treviglio

con ingresso libero 

Un grazie alla compagnia teatrale Arteatrando che tanti meriti ha nella diffusione del teatro di qualità in Treviglio e all’Assessorato alla Cultura per l’organizzazione dello spettacolo.

I due “piccoli libri” di Michele Di Bona

Libriccino? Libretto? Volume? Piccolo libro?

quanti pensieri profondi e corroboranti si possono distillare dallo sforzo di chiarire quale può essere il giusto termine con il quale descrivere le due opere di Michele Di Bona di cui si è parlato in sala Carminati della BCC per iniziativa dei Laboratori culturali della Terza Età del Decanato di Treviglio.

Ma di tutto si è trattato meno che di una disputa nominalistica perché gli interventi di Amanzio Possenti, direttore del Popolo Cattolico, dello stesso autore e dell’assessore alla cultura Giuseppe Pezzoni non si preoccupavano di trovare solamente un termine esatto con il quale descrivere le due opere quanto di catalogare nel modo migliore lo sforzo, sicuramente letterario, ma principalmente di natura umana, partecipativa e di autoformazione effettuato da Michele Di Bona per descrive due storie profondamente umane.

In “Emma, infatti, c’è la splendida descrizione di come la passione educativa di Cristina Volonterio, valente musicista e ispirata educatrice, riesca, utilizzando la musica come “strumento”, a far aprire al mondo l’anima di una ragazza che non voleva o non poteva comunicare all’esterno del suo io.

In “Nel cuore del silenzio”, invece, Michele di Bona descrive l’esaltante prospettiva anche a livello personale di gestire una stranissima “coesistenza” di due realtà a prima vista assolutamente inconciliabili come le suore di clausura di un convento bergamasco e un gruppo di carcerati.

Due realtà narrative trattate in sole 87 pagine senza cadere nel banale o nel facilmente strappalacrime che fanno intuire nell’autore la presenza di uno notevole spessore umano, ideale e di apertura alla comprensione del prossimo.

Il pomeriggio è stato corroborato dalla lettura di brani dei due piccoli libri effettuata da Luisella Basso Ricci e dall’esecuzione di brani musicali da parte della flautista Cristina Volonterio.

Ma tutto quanto qui esposto non è che una pallida descrizione della miniera di spunti di riflessione che solo la lettura dei due piccoli libri può dare ad un lettore o a una lettrice sensibili a questi tipi di problemi del disagio.

Come d’accordo con l’autore, chi fosse interessato ad ottenere i due “piccoli libri” potrà farne richiesta via mail all’indirizzo associazioneculturale@clementinaborghi.it oppure telefonando al 3490761531.

Sarà gradita un’offerta libera in denaro per le due opere.

 

L’arch. Barbara Oggionni parlerà dei Quadroni con “La vita della Vergine” dipinti dai Montalto

L’ associazione Clementina Borghi è lieta di segnalare l’evento

I QUADRONI CON “LA VITA DELLA VERGINE” DIPINTI DAI MONTALTO

conservati nel santuario della B.V. delle lacrime di Treviglio.

Ancora una volta siamo contenti di segnalare un’iniziativa che, oltre ad avere un interessante valore dal punto di vista artistico e di studio, rappresenta un momento importante per il rafforzamento dell’identità locale.

L’incontro, organizzato dalla Comunità Pastorale Madonna delle Lacrime, vedrà l’architetto Barbara Oggionni, presenza culturale di valore in ambito trevigliese, parlare di questo importante aspetto pittorico conservato nel Santuario della B.V. delle lacrime luogo particolarmente caro ai trevigliesi.

Chi interverrà all’incontro potrà poi, grazie a quanto illustrato dall’arch. Oggionni, ammirare con occhi diversi queste opere sulle quali molto probabilmente avrà puntato lo sguardo molteplici volte nel corso delle visite al Santuario .

L’incontro si terrà:

domenica 22 ottobre alle ore 16

presso l’Aula Magna del Centro Cattolico

sito in piazzale del Santuario