Le tre ghinee di Virginia Woolf: invito alla lettura – un incontro curato da Stefano Rozzoni

Stefano Rozzoni, tra tanti altri interessi membro dell’ International Virginia Woolf Society, ci propone un momento di riflessione su questioni rilevanti di cui si occupò la scrittrice inglese già nella prima parte del secolo scorso e che, purtroppo, sono ancora un delicato argomento di riflessione dopo venti anni dall’inizio del nuovo secolo.

Questa riflessione presentata dalle Associazioni Amici di Romsey e Clementina Borghi, si inserisce nell’ambito della celebrazione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e di genere e diventa “un’occasione per riflettere insieme sulla complessità del discorso femminista e sulle profonde radici della violenza, anche – e soprattutto – di genere, grazie a una voce critica quanto mai attuale e da (ri)scoprire attraverso sempre nuove letture.”

Il saggio su cui Stefano Rozzoni ci inviterà a ragionare è stato pubblicato nel 1938, alla vigilia della Seconda guerra mondiale e si impernia attorno a una difficoltosissima domanda chiave: “cosa bisogna fare per prevenire la guerra?

La risposta, articolata nella struttura del saggio utilizzando una corrispondenza fittizia con un avvocato, costituirà un “importante manifesto politico pacifista” diventando anche “un testo fondamentale del pensiero femminista”.

Come si potrà ricavare anche solo dalla lettura di queste brevi note ci sono tutti i presupposti per trascorrere quasi un’ora in compagnia di un relatore (collegamento in rete via ZOOM per rispetto delle vigenti norme anti-pandemia) che ci condurrà a riflettere su temi molto importanti e, ancora, attuali.

Le informazioni per poter partecipare via ZOOM all’incontro con Stefano Rozzoni che si terrà venerdì 27 novembre alle ore 21 sono:

Argomento: Virginia Woolf’s “Three Guineas”
Ora: 27 nov 2020 09:00 PM Amsterdam, Berlino, Roma, Stoccolma, Vienna

Entra nella riunione in Zoom
https://zoom.us/j/93950385309?pwd=Z1U1NmJNQ2gvTGVKUVd4NGZyTmcxZz09

ID riunione: 939 5038 5309
Passcode: khVa5i

La premiazione di Livia Ciardo vincitrice della sezione Narrativa Junior

Le difficoltà del periodo sono sempre tante ma la passione e la dedizione del personale e della direzione della scuola media Cameroni di Treviglio ci hanno permesso di effettuare la premiazione, quasi virtuale, di Livia Ciardo, vincitrice del Primo Premio nella sezione Junior Narrativa del XXII Concorso letterario nazionale Tre Ville.

La premiazione è stata effettuata, nel pieno rispetto delle regole in vigore, dalla professoressa Antonella Deodato nel corso del normale orario scolastico e all’interno dell’aula.

Il racconto “La torre del popolo del mare” è stato letto a tutta la classe creando un genuino momento di festa. Di seguito il link per poter leggere il racconto premiato (cliccare su “Download e poi aprire il file).

Livia che è giovanissima, ha appena dodici anni, ha già dimostrato di saper affrontare la materia dello scrivere e potrà, quindi, continuare a dare ulteriori prove positive nei prossimi anni.

Con questa piccola e partecipata cerimonia si conclude l’iter della XXII edizione del concorso letterario nazionale Tre Ville.

L’associazione culturale Clementina Borghi è già pronta a ripartire per iniziare a organizzare, appena sarà possibile, la ventitreesima edizione sperando di poter iniziare così un 2021 di lavoro e di eventi culturali.

La presentazione della raccolta di poesie di Mina D’Agostino è stata rinviata a nuova data

Alla luce dell’impennata di casi di positivi Covid-19 e preoccupata per la potenziale evoluzione negativa della situazione sanitaria l’associazione Clementina Borghi, sentita la poetessa Mina D’Agostino, ha deciso di rinviare la presentazione della raccolta di poesie prevista per il prossimo sabato 31 ottobre.

La decisione è stata presa come atto di responsabilità nei confronti dei relatori, degli attori che avrebbero letto alcune poesie della raccolta e di coloro i quali avrebbero partecipato pur nel rispetto delle condizioni di sicurezza garantite dall’organizzazione da parte del Comune di Treviglio.

Un grazie a tutti coloro i quali hanno contribuito alla preparazione dell’evento ai quali diamo appuntamento ad una data, sperabilmente non lontana, nella quale poterci nuovamente incontrare.

Premiazione dello Young Writers’ Contest all’Istituto Superiore Don Milani di Romano di Lombardia

Venerdì 16 ottobre nell’accogliente ufficio del Direttore scolastico dell’Istituto Superiore Don Lorenzo Milani di Romano di Lombardia si è svolta la cerimonia di premiazione della sezione “Young Writers’ Contest” del concorso letterario nazionale Tre Ville.

Si è trattato di un’occasione densa di significati che si è svolta in un momento in cui torniamo ad affrontare in modo più pressante la pandemia che obbliga a modificare i nostri modi di vita quando non ci pone di fronte a prove affettive ancora più pesanti.

Presso l’Istituto Don Milani di Romano studiano i tre giovani autori che hanno partecipato con merito alla sezione junior di scrittura in lingua inglese e che hanno ottenuto le migliori valutazioni da parte della giuria del concorso composta da insegnanti e specialisti della lingua d’Oltremanica.

Le difficoltà del periodo hanno pesantemente interferito con i piani e le aspettative dell’associazione culturale Clementina Borghi riguardo alla cerimonia di premiazione del concorso Tre Ville ma, grazie alla sensibilità e alla disponibilità del Dirigente scolastico professor Luca Fatticcioni e del suo staff e, in particolare, della professoressa Sonia Ceruti, siamo riusciti, pur nel pieno rispetto delle norme e delle limitazioni, a dare il giusto risalto al lavoro dei tre giovani autori

Filippo Belloli, Diana Bellini e Laura Carminati

Filippo Belloli ha vinto il primo premio della sezione Young Writers’ Contest con l’opera “The Plague

Diana Bellini e Laura Carminati hanno ricevuto la menzione di merito rispettivamente per le opere “I can still remember” e ” The most beautiful moment in life

Alla premiazione sono intervenuti per conto dell’associazione Clementina Borghi e per l’associazione Amici di Romsey, organizzatrice del premio in lingua inglese Gian Battista Scrivanti, Mina D’Agostino, Andreina Pasini, autrice delle foto, e Antonio Durante

Presentazione del libro di poesie di Mina D’Agostino “Portami con te”, Aletti editore.

La nuova raccolta di poesie di Mina D’Agostino, “Portami con te”, pubblicata da Aletti editore sarà presentata a cura dell’Associazione culturale Clementina Borghi sabato 31 ottobre alle 10,30 presso la Sala HUB in Piazza Manara di fronte all’ingresso del TNT.

Con questa iniziativa l’associazione Clementina Borghi riapre il ciclo di presentazione dei libri e degli autori che ha caratterizzato  soprattutto negli ultimi anni, le iniziative culturali cittadine.

Portami con te”, terza raccolta poetica di Mina D’Agostino sarà presentato al pubblico dall’assessore alla cultura Giuseppe Pezzoni, con un intervento critico di Giovanni Crotti e un breve discorso della stessa autrice.

Alcune poesie verranno poi lette per il pubblico presente da Luisella Basso Ricci e da Emilio Riva.

Portami con te” è una raccolta di poesie a due o a più voci, tenute insieme da un filo logico sottile, la trama di un velo, tessuto con la consapevolezza che questo mondo, questo universo sta mutando e ci costringe al “grande salto”, ovvero, a varcare gli antichi sistemi per buttarci a capofitto in una nuova era.

Il libro ha anche una dimensione narrativa, è una sorta di diario di bordo che narra il timore del viaggio, la curiosità per le nuove avventure, la nostalgia per le cose e gli affetti lontani: il viaggio dell’uomo che  si muove tra questo desiderio di scoperta, il senso di solitudine, la paura dell’ignoto.

La riunione si concluderà con il firma copie dell’autrice.

Un’altra occasione culturale da non perdere!

Mina D’Agostino – Portami con te

Non vogliamo “impossessarci” del lavoro poetico di Mina D’Agostino solo perché Pinuccia è uno dei soci più attivi della nostra associazione ma avere frequentazione, confidenza e amicizia con una persona di tanta sensibilità e capacità ci fa sentire certamente più familiare questa raccolta appena pubblicata.

Dopo il profluvio di poesie del nostro concorso letterario nazionale Tre Ville, immergersi nella lettura del lavoro di Mina ci riserva subito la sorpresa di scoprire, come racconta l’autrice stessa, che l’argomento fondamentale dell’opera è proprio la poesia nei confronti della quale l’autrice si pone e ci pone la domanda se la poesia “sembra allontanarsi sempre più da noi” e sembra essere “relegata alle forme letterarie del passato“.

Una domanda la cui risposta diventa sempre più impellente, perché è una domanda posta nel periodo del “grande salto del mondo” verso una nuova era piena di incognite e di incertezze per affrontare le quali forse è proprio la poesia che può fornire gli strumenti per sopravvivere.

Siamo di fronte al grosso pericolo che il cambiamento “imposto” dalla rivoluzione dei sistemi di comunicazione e dalla globalizzazione possa cancellare proprio la “parola“, cioè l’unità fondamentale della comunicazione umana: un pericolo quasi mortale perché “inventare le storie e saperle narrare è quello che caratterizza la nostra specie“.

Portami con te” è una raccolta di poesie a due o più voci, tenute insieme da un filo logico sottile e deve aiutarci ad affrontare il grande salto che serve ad abbandonare il vecchio sistema e a proiettarci nella nuova era.

Le due voci che si inseguono e si contrappongo in una sorta di controcanto sono quelle di un uomo “conservatore” che teme di viaggiare, di affrontare le novità della vita e ha nostalgia degli amori e dei ricordi dei tempi passati e quella di una donna che con irrequietezza aspetta di cancellare la solitudine e vorrebbe essere la protagonista di un viaggio senza fine.

Come contrappunto a queste due voci c’è il “rumore di fondo” della poesia che fa continuamente atto di presenza per non essere trascurata e dimenticata e chiede di giocare, nel corso di queste trasformazioni epocali, il ruolo di “guida di questa umanità e lo specchio dei nostri pensieri“.

Portami via con te“, Aletti editore, è disponibile presso la libreria Ubik di Treviglio e sulle maggiori piattaforme web per la vendita di libri come IBS, Il libraccio ecc.

PROCLAMATI I VINCITORI DELLA XXII EDIZIONE DEL CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE TRE VILLE

Ecco i vincitori e i menzionati della XXII edizione del concorso Tre Ville – 2020.

POESIA

1° premio Tullio Mariani con l’opera Dolce e non atroce

2° premio Monia Casadei con l’opera Bastava solo un gesto per salvarmi

3° premio Claudio Maglio con l’opera Tocca a te

Menzionati

Enrico Sala con l’opera Vi lascio il posto mio

Paolo Cattolico con l’opera Striature

Silvia Todero con l’opera 19 marzo 2020

NARRATIVA

1° premio Emanuela Citerio con l’opera I ragazzi stanno a casa

2° premio Alessio Baroffio con l’opera Il broplema

3° premio Rosella Bottallo con l’opera Storia vera di Vera

Menzionati

Lucia Lo Bianco con l’opera Incombe lenta l’alba

Piero Sesia con l’opera Cavoli e finocchi

Elisa Marchinetti con l’opera La pazienza del ragno

POESIA JUNIOR

1° premio Giulia Soldani con l’opera Pianto al vento

NARRATIVA JUNIOR

1° premio Livia Ciardo con l’opera La torre del popolo del mare

JUNIOR OPERA IN LINGUA INGLESE

ASSOCIAZIONE AMICI DI ROMSEY

1° premio Filippo Belloli con l’opera The plague

PREMIO SPECIALE SOROPTIMIST TREVIGLIO PB

1° premio Gabriella Pirazzini con l’opera Pacchetto

Menzionati

Estefania Mejia Negrete con l’opera Luce dei miei occhi

Carola Cestari con l’opera Paguri

Daniele Ossola con l’opera Avanguardie in Paradiso

Ecco perché il Tre Ville è un concorso nazionale!

Abbiamo esaminato le provenienze degli 96 autori che hanno deciso di partecipare alla ventiduesima edizione del nostro concorso.

Come succede ogni anno abbiamo così avuto modo di constatare ancora una volta che riceviamo opere dalla stragrande maggioranza delle regioni italiane (14) e quest’anno anche da un’autrice che invia la sua opera da Waimar, storica città della Turingia germanica.

Ecco il dettaglio delle provenienze:

Come è ovvio che sia, la maggioranza delle opere arriva dalla Lombardia (45% circa) e si segnalano in modo particolare la Toscana che raddoppia i concorrenti (8) rispetto allo scorso anno e le Marche che, assenti lo scorso anno, vedono oggi 5 partecipanti.

Sempre solida la presenza di Emilia Romagna (10), Piemonte (6) e Veneto (5).

In conclusione, che il Tre Ville porti in giro per la nazione il nome della nostra città è confermato dai numeri che, di solito, confermano i fatti!