Che fine ha fatto la poesia?

Pinuccia D’Agostino, tra tante altre cose socia Clementina Borghi, si diletta di poesia con ottimi risultati.

Mentre continua a scrivere. però, continua anche a domandarsi con profonda introspezione quali siano oggi le sorti della Poesia, quella con la P maiuscola. Nell’articolo sotto riportato pubblicato sul numero di marzo 2020 di Luoghi della bellezza ci fornisce alcuni spunti di riflessione.

La poesia, ad esempio, si riduce forse a “pillole di ineffabile saggezza scritte da pochi e create per pochi” ma con forza “chiede di poter sopravvivere in questa era di massificazione” perché, qualunque sia il suo “stato di salute”, l’unica cosa che si deve affermare con certezza è che “oggi più che mai abbiamo bisogno di questa poesia” …